0

Il baskin e le infinite sfumature dello sport

Sessanta atleti e un folto pubblico per uno sport che unisce le diverse forme dell’integrazione

12-04-2013 torneo basket Cidas 272

Jolanda di Savoia. Si è svolto il 12 aprile, presso il Palazzetto dello Sport di Jolanda di Savoia, il Terzo Torneo di Baskin della Provincia di Ferrara, che ha coinvolto 60 atleti e ha richiamato un centinaio di spettatori. L’evento è stato organizzato dall’Associazione Sport Integrato Ferrara, con la collaborazione dei CSR “Soleluna”, “Biffi” e “O. Boschetti” di Jolanda di Savoia e dell’Associazione Pro Delta del Po. Il “Baskin”, che a Ferrara è già noto a molte persone grazie alle dimostrazioni che in più occasioni hanno attirato l’interesse del pubblico, è una disciplina che compie dieci anni. Inventato nel 2003 a Cremona, è l’abbreviazione di “basket integrato”, uno sport ispirato al basket, con regole proprie che permettono a giovani normodotati e a giovani con qualsiasi tipo di disabilità di giocare nella stessa squadra, senza distinzioni di genere.

La professoressa Angela Magnanini, organizzatrice dell’evento, ha presentato l’iniziativa alla presenza dell’assessore allo sport Luciano Masieri, della presidente dell’associazione Pro Delta del Po Michela Grassi, di Patrizio Ghelfi e Natascia Cavallini dei CSR Jolanda, della presidente CIDAS Patrizia Bertelli, del sindaco di Jolanda di Savoia Elisa Trombin e del parroco locale. Masieri ha posto l’accento sull’importanza di un’iniziativa che, partendo dalla periferia, ha avuto una buona risonanza e ha saputo lanciare un segnale importante per una maggiore attenzione che la società tutta deve porre alla diversabilità. ”Il successo dell’iniziativa – ha commentato Angela Magnanini – è una preziosa conferma che l’integrazione è un ingrediente non più trascurabile del mondo sportivo, forse qualcosa sta davvero cambiando”.

Sono state cinque le squadre coinvolte: Real Anffas Bianco, Atletico Anffas Blu, Sav Rosa, Jol Giallo, All Colors Baskin; a portare a casa la prima coppa è stata la formazione degli Anffas Blu, premiata dal sindaco Trombin. Il Torneo rappresenta l’ultima tappa del girone d’andata del Campionato Provinciale di Baskin, il cui calendario continuerà nelle giornate del 19 e 26 aprile e l’8, il 15 e il 22 maggio.

0

Dammi un cinque!

Anche quest’anno sarà possibile aiutarci destinando il cinque per mille all’Associazione Baskin indicando, nella dichiarazione dei Redditi, il Codice Fiscale dell’Associazione, ovvero 93045930190.

Ringraziamo fin d’ora tutti quelli che vorranno contribuire alle nostre attività con il cinque per mille, in questo momento importante fonte di entrata.

5permille

 

0

Qué es el baskin ?

Qué es el baskin

El baskin (abreviatura de baloncesto integrado) es un nuevo deporte que se inspira en el baloncesto, pero que tiene características especiales e innovadoras. El reglamento, compuesto de diez reglas, regula el juego confiriéndole una serie de características que lo hacen increíblemente rico en dinamismo e imprevisibilidad. Este nuevo deporte se ha diseñado para permitir a los jóvenes sin discapacidad y con discapacidad jugar en el mismo equipo (formado por chicos y chicas). De hecho, el baskin permite la participación activa de los jugadores con cualquier tipo de discapacidad (física y / o mental) que les permita realizar el tiro a canasta. Es por esto que pone en cuestión la rígida estructura de los deportes oficiales y esta propuesta, creada en la escuela, se convierte en un laboratorio para la sociedad.

Las 10 reglas incrementan la contribución de cada chico/a en el equipo: de hecho, el éxito realmente depende de todos. Estos cambios, que personalizan la responsabilidad de cada jugador en el juego, le permite superar la tendencia a una actitud de “asistencia” a veces presente en las propuestas de actividades físicas para personas con discapacidades.

El reglamento del baskin adapta:

1) El material (uso de más canastas: dos normales y dos laterales más bajas; posibilidad de sustituir la pelota de tamaño normal por una de dimensiones y peso diferentes)

2) El espacio (áreas protegidas destinadas a garantizar el lanzamiento en las canas laterales)

3) Las reglas (cada jugador tiene un rol definido por sus habilidades motoras y, por lo tanto, un adversario directo del mismo nivel. Estos roles están numerados del 1 al 5 y tienen sus propias reglas)

4) Las consignas (posible asignación de un tutor, jugador del equipo, que puede acompañar más o menos directamente las acciones de un compañero con discapacidad)

Incluso los niños sin discapacidad se beneficiarán de este recorrido. De hecho, en el baskin, aprenden a integrarse y organizar un grupo que cuenta en su formación con personas con distintos capacidades/habilidades. Ellos deben así desarrollar nuevas capacidades de comunicación, poniendo en juego la creatividad y creando, también, relaciones afectivas muy intensas. Además, el compartir objetivos deportivos con niños discapacitados les permite apreciar la riqueza y la capacidad que la diversidad conlleva

En cuanto a los niños con discapacidad, se puede afirmar que, después de seis años de actividad, los resultados conseguidos son significativos: una mayor confianza en sí mismos, una capacidad para combinar sacrificio y placer, el aumento de las habilidades psicomotoras y de la interacción con niños y con adultos.

El Baskin nació en Cremona en un contexto escolar con la colaboración de los padres, profesores de educación física y de apoyo. Este proyecto ha visto la colaboración, en eso que se llama “Trabajo de Red”, de las asociaciones escolares y locales, ya que cada una ha contribuido, con su propia especificidad, el éxito del baskin. También la ciudad de Cremona ha patrocinado y apoya el desarrollo de esta iniciativa. En el 2006 se fundó la Asociación Baskin sin fines de lucro, que representa la base de esta actividad.

La traduzione è stata curata nel mese di marzo 2013 da:
– Enrico Sabato (studente dell’Istituto PACLE – Ghisleri di Cremona) durante l’esperienza di ‘Alternanza scuola-lavoro’ c/o Cisvol
Con la supervisione di
– Darìo Garzaron – Volontario SVE in servizio presso Cisvol

dario

Un grazie sincero per la collaborazione.

0

Anche in Sicilia termina la prima fase del campionato locale di baskin

Lunedi 8 aprile, con un agiornata di ritardo per motivi legati all’organizzazione logistica,  si è svolta ad Avola la terza giornata del 3 torneo  territoriale di baskin, organizzato dalla UISP con il sostegno del CSVE e di tante altre associazioni della provincia di Siracusa (Superabili,  Fratres Cassibile, Avis Avola, Fondazione Caligiore).
Le due partite disputate sono state le seguenti: UISP contro EOS NOTO e FRATRES CASSIBILE contro AVIS AVOLA:di seguito la descrizione di entrambe le partite nel dettaglio.

                                  PRIMA PARTITA

  UISP – EOS NOTO       72-68 ( 18-14 , 16-19 , 22-21 , 16 – 14 )
Arbitri: Donzella Antonino e Alonge Aldo
Refertisti: Cartelli Febronia-Leone Corrada

Come ben auspicato dai pronostici, la partità giocata tra la UISP e la EOS NOTO è stata molto entusiasmante e competitiva, dato il fatto che a sfidarsi sono state le attuali due capoliste in classifica, ma alla fine di questa giornata la UISP ha prevalso sull’altra conquistando il primato di Capolista , battendo la EOS NOTO con il punteggio di 72 a 68.
Durante il primo intervallo si nota da subito la quasi parità di azioni di gioco da parte di entrambe le squadre, ma a chiudere in vantaggio è la UISP grazie al numero 22benito che sceglie i suoi ultimi 2 tiri da 3 realizzando ben 6 punti; nel secondo intervallo invece la EOS NOTO  mette in seria difficolta la UISP con molte più azioni di gioco e canestri, terminando cosi il 2° tempo con  3 punti in vantaggio della UISP; durante il terzo intervallo grande la prestazione di Annerita14 che realizza tutti i canestri portando ben 8punti alla UISP ,mentre nelle file della EOS NOTO ottima la giocata di Andrea54 che realizza tutti i canestri a sua disposizione e riesce a realizzare numerosi assist ai numeri 3 della propria squadra. l’intervallo si conclude con una quasi parità: 22 a 21 in favore della UISP; nel 4° ed ultimo intervallo si accendono gli animi di tutti i giocatori essendo consapevoli di quanto siano decisivi quest’ultimi minuti di gioco, ma la tensione si sa gioca brutti scherzi alle volte, infatti la UISP sbaglia numerosi canestri ma riesce comunque a terminare con 2 punti di vantaggio. la partita si conclude dunque con il punteggio di 72 a 68. la UISP si aggiugica cosi il primato in classifica conquista l’accesso alla prima Semifinale.

                             SECONDA PARTITA
AVIS AVOLA-FRATRES CASSIBILE    50-15 (  10-5 , 12- 4 , 14-2 , 14-4 )
ARBITRI: Parentignoti Giuseppe-Formica Marco
Refertisti: Cartelli Chiara-Caruso Marco

Partita dai toni molto poco entusiasmanti a causa delle numerose assense nelle file della FRATRES CASSIBILE, che hanno facilitato senza dubbio la vittoria dell’AVIS AVOLA. Poche le note tecniche della partita: nel primo intervallo l’AVIS AVOLA  chiude con 5 punti di vantaggio, dovuto sopratutto a casusa dei numerosi errori in difesa da parte della squadra avversaria;  nel 2° intervallo ancora una volta a dominare è l’AVIS AVOLA che realizza ben 12 punti a discapito della FRATRES CASSIBILE che realizza 4 punti grazie al pivot 23Romina; il 3° e il 4° intervallo sono pressochè simili, caratterizzati da alcune belle azioni di gioco dell’AVIS AVOLA , mentre la FRATRES CASSIBILE purtroppo deve tener conto delle numerose assenze ,quindi non riesce a gestire bene il gioco. la partita termina con la vittoria dell’AVIS AVOLA per 50 a 15.

Termina cosi la prima fase del tornero territoriale di Baskin in Sicilia.
             Classifica
UISP                               9 punti
EOS NOTO                     6 punti
AVIS AVOLA                   3 punti
FRATRES CASSIBILE       0 punti

BAskin torneo nuovo
0

Francesco Longhi parla del baskin all’Università di Scienze Motorie a Pavia e Voghera

Ripetendo l’esperienza positiva dello scorso anno, mercoledi 3 aprile ho partecipato come ospite espositore alla lezione di pedagogia del primo anno di scienze motorie dell’’università di Pavia tenuta dalla Professoressa Monica Ferrari ed Enrico Platè. Il giorno seguente ho fatto il  bis con un’altra classe dello stesso corso universitario con sede a Voghera. Tema della mia esposizione ovviamente il Baskin, , proponendolo come esempio di vivere lo sport fuori dagli schemi attuali dello sport moderno,  sottolineandone l’innovazione e le caratteristiche che lo differenziano dalle altre discipline sportive rendendolo sotto certi aspetti unico ed innovativo, ma anche mettendo in risalto il suo percorso di nascita e crescita cercando di trasmettere il messaggio che le cose speciali e all’apparenza impossibili possono nascere da persone normali in qualunque posto, basta essere armati di tanta passione e voglia di migliorarsi continuamente. Inutile dire che l’argomento ha riscosso tanto successo e approvazione oltre che la curiosità di molti studenti, gli stessi che un domani dovranno confrontarsi con questo mondo decidendo secondo coscienza come vivere lo sport. Domande di ogni tipo e facce trasognate sono i segnali positivi che questi due giorni di lezione fuori dagli schemi hanno colpito nel segno.

effe

 

0

III Torneo di Baskin della Provincia di Ferrara

L’Associazione Sport Integrato Ferrara, con la collaborazione dei CSR “Soleluna”, “Biffi” e “O. Boschetti” di Jolanda di Savoia e dell’Associazione Pro Delta del Po organizza l’evento:
Le infinite sfumature dello sport: I colori e le diverse forme dell’integrazione.

III Torneo di Baskin della Provincia di Ferrara   
12 aprile 2013 Palazzetto dello Sport di Jolanda di Savoia 10.30-13.30
Dettaglio della mattinata:
Saluti delle autorità Presentazione del Torneo Presentazione Squadre coinvolte Presentazione Campioni-Ospiti
Torneo con la partecipazione delle squadre Real Anffas Bianco, Atletico Anffas Blu, Sav Rosa, Jol Giallo, All Colors Baskin
Premiazioni
Rinfresco  presso la Struttura del CSR – Via Boaretti, Jolanda di Savoia
Per info: sportintegratofe@libero.it; prodeltassociazione@libero.it

 

ferrara2013