0

Vado a vedere una partita di baskin

da http://www.trociabeach.it/2013/06/vado-a-vedere-una-partita-di-baskin/

Queste le parole di Roberta che era presente a TROCIA-MENTE DIVERSA, domenica 26 maggio 2013.

Domenica 26 maggio, rientro a casa da un turno al lavaggio piatti della sagra parrocchiale, c’è caldo e l’allergia ai pollini non mi lascia in pace. Il tempo di una doccia, poi un saluto veloce quando sono già al primo pianerottolo di scale: “Ciao, noi usciamo!” In quel noi c’è anche mio figlio di 10 anni che, incuriosito da quanto gli ho preannunciato, vuol proprio andare a vedere  come si possa giocare a basket con qualcuno che resta su una carrozzina. Mi raggiunge la voce di mio marito: “Dove andate?” Rispondo come se fosse la cosa più ovvia che ci sia: “A vedere una partita di baskin! Ormai sono in cortile e quando inforco la mia bicicletta, mio marito è alla finestra a chiedermi chiarimenti, ma anche incredulo: io che vado a vedere una partita!?!

Trocia-mente diversa - 26 maggio 2013

Trocia-mente diversa – 26 maggio 2013

Arriviamo alla palestra “Einaudi”, dove mi aspettavo di trovare una festa, invece sento e vedo un clima di concentrazione: questi fanno sul serio! Quasi nel timore di disturbare  il pubblico attento, catalizzato dalla partita e gli stessi giocatori, cerchiamo i nostri posti tra le seggioline del pubblico e, senza neppure accorgercene, finiamo proprio vicino ad un amico di mio figlio. E io subito: “Così fate due chiacchiere, se ti stanchi”. Ma nessuno si sta stancando. I due bambini sono già lì, con gli occhi sgranati. Sento: “Pazzesco! Lancio un’occhiata al campo per cercare Tristano e Stefania a cui avevo promesso che sarei stata presente e scopro che tra i giocatori ci sono altri amici, Alessandro, Francesco, Donella in panchina… Stefania è al tiro e io lì vicino; vedo che fa una piccola smorfia e penso che mi stia salutando, allora mi sbraccio, ma la smorfia non è per me, è per la concentrazione del momento. Tiro: canestro!! Il mio applauso è il più rumoroso. Vorrei dire ai miei vicini di posto che io la conosco, che lei è mia amica, ma pare che già la conoscano anche loro, perché parte un “Vai Stefy!! Inizialmente non capisco bene le regole del gioco e chiedo; qualcuno mi dà informazioni e subito mi trovo a fare il tifo per tutti. È assurdo, ma proprio non riesco a tenere una squadra sola: devo per forza tifare per tutti. Ma non solo, mi sembra di partecipare ad ogni tiro. Non c’è tensione e non c’è pietismo, c’è solo una grande voglia di divertirsi. Un divertimento serio, fatto di concentrazione, di altruismo, di attenzione all’altro, perché prima di fare bene a lui, fa bene a noi. La faccenda deve avermi presa un po’ troppo, perché di fronte a certi tiri mi commuovo. Per fortuna che posso sempre far finta che questi occhi lucidi siano causati dalla mia allergia. Alla fine, come ogni ultras che si rispetti, facciamo un’invasione di campo. Beh, adesso non allarghiamoci troppo, invasione, invasione, non direi, certo che,  una scappata sul campo a stringere la mano ai campioni non ce l’ha tolta nessuno. Non soddisfatta, voglio conoscere anche Claudio Imprudente (ndr: Presidente dell’Associazione “Centro Documentazione Handicap” di Bologna), rimasto tutto il tempo a bordo campo. Sono un po’ a disagio, perché non so bene come comunicare con lui. È proprio Claudio, che viene in soccorso alla mia disabilità del momento, con un sorriso e due occhi sgranati che parlano da soli. Il ragazzo che gli fa da voce, ci permette di fare una veloce chiacchierata. Non mi accontento, la chiacchierata vorrei continuarla io con lui e allora mi danno tra le mani la tavola trasparente con le lettere dell’alfabeto e Claudio si mette all’opera. Riesco a leggere un CIAO, che per me è come se avesse recitato la Divina Commedia. Adesso sì che sono realizzata: adesso mi sento di riuscire a respirare le vostre abilità. Grazie a chi ci ha fatto conoscere questa iniziativa, a chi l’ha realizzata, a chi ci crede e ai protagonisti: i ragazzi e le loro famiglie.

Roberta, una maestra orgogliosa d’avervi conosciuti

0

Dailybasket intervista il Presidente dell’Associazione Baskin e l’allenatore della squadra vincitrice il campionato italiano

Leggi l’intervista ad Antonio Bodini, Presidente dell’Associazione Baskin di Cremona

http://www.dailybasket.it/basket-per-tutti/baskin-intervista-al-fondatore-antonio-bodini/

 

e l’intervista ad Alessandro Bruno, allenatore della squadra Monte Emilius di Aosta vincitrice del Campionato Italiano Baskin

http://www.dailybasket.it/basket-per-tutti/campionato-nazionale-baskin-intervista-al-coach-campione-ditalia-alessandro-bruno-fotogallery/

0

Camp di Baskin quest’estate a Canazei

camp

Hotel in stile alpino, situato in posizione tranquilla e soleggiata a 700 m dal centro e a 900 m dalle funivie Canazei-Belvedere e Campitello-Col Rodella (Sella Ronda).

L’Hotel dispone di ampie sale: ristorante, soggiorno, American bar, stube tipica, sala per riunioni e spettacoli, sala giochi, sala TV/SAT, terrazza e giardino, internet WiFi. Ampio parcheggio e garage.

GRAN TOBIA’ TAVERNA TEATER centro congressi, convegni e spettacoli (800 posti).

SPORT CENTER CANAZEI: basket, pallavolo calcetto, ping pong.

Centro Fitness & Wellness con piscina, idromassaggio, sauna romana, bagno turco, palestra, solarium.

Tutte le camere sono dotate di servizi privati con vasca o doccia, telefono, tv-SAT, cassaforte, asciugacapelli, in parte con minibar (rifornimento a pagamento), balcone. La cucina tipica, nazionale ed internazionale è particolarmente curata ed

offre menù con ampia scelta di primi e secondi piatti, cene a tema, gala settimanale, angolo enoteca. Colazione a buffet, buffet di insalate ed ampia scelta di dessert.

Intrattenimenti vari, spettacoli, assistenza attività sportive, Mini-Club in Hotel o struttura convenzionata.

CAMP BASKIN E TREKKING: Perché?

Perché crediamo nello sport come terreno sul quale creare un nuovo modo di vivere assieme, di costruire rapporti. Costruire un contesto accogliente, in cui la condivisione dei valori, esige lo sforzo di tutti, contribuendo a dare origine ad una cultura dell’inclusione, della corresponsabilità di tutti verso tutti, dell’interesse individuale in sinergia con quello degli altri, dando via a relazioni significative, aiutando le persone ad aiutarsi.

Perché lo sport è fonte di valore importanti come lo spirito di gruppo, la solidarietà, la tolleranza e la correttezza.

Crediamo che i nostri ragazzi abbiano anche necessità di esperienze di socialità, del poter fare fatica, vedendo che la fatica non è solo la loro ma anche quella degli altri e godere poi della soddisfazione con un famigliare o con gli amici.

Perché lo sport migliora la salute, ha una dimensione educativa e svolge un ruolo sociale, culturale e ricreativo.

perché pensiamo che regalarci un’occasione per stare assieme – camminando l’uno a fianco dell’altro – entrambi magari in difficoltà in qualche momento – allungando la mano per aiutarci sia un’esperienza affascinante.

Credo che: camminare lento lontano dalla confusione, dal traffico, dal rumore, sedendoci sul bordo del sentiero o cercando assieme il sasso più comodo dove mangiare un panino … sia importante.

ATTENZIONE: LE ISCRIZIONI SCADONO IL 30 GIUGNO 2013!

Scarica il dépliant informativo CANAZEI 2013TER

0

Il primo campionato nazionale di Baskin con gli occhi di un addetto ai palloni

Precedentemente all’ apertura del primo campionato nazionale di Baskin, sono stato contattato dal mio allenatore per fare parte dello staff che aveva il compito di gestire lo svolgimento della manifestazione. Ho accettato subito con entusiasmo e  così mi sono presentato, di prima mattina,  alla palestra Bissolati dove ho ricevuto le indicazioni e i compiti che dovevo svolgere, ovvero l’addetto ai palloni. Posso così narrare da una postazione “insolita” le gesta che si sono compiute a Cremona l’otto e nove giugno. Il torneo era diviso in due gironi e i rispettivi vincitori si sarebbero poi scontrati nella finale mentre i secondi classificati avrebbero giocato la finale per il terzo e quarto posto. Le squadre erano molte e provenienti da ogni angolo d’ Italia, da Aosta fino alla Sicilia.  Tutto iniziò in perfetto orario con le prime sfide; nella mia palestra erano presenti le formazioni di Noto ( Sicilia), Ferrara e le due cremonesi San Michele e Sant’Ilario, pronte per il secondo atto della sfida che valse tempo fa’ il titolo provinciale. Ero curioso di vedere in campo formazioni non di Cremona, per capire come fosse stato esportato il Baskin oltre provincia, per capire schemi e mentalità oltre che di vedere giocatori mai visti prima. I confronti e le analisi erano possibili per via della presenza di San Michele e Sant’ Ilario, due formazioni profonde ampiamente viste durante tutto il campionato e in un caso ( San Michele) anche affrontato. Noto inizialmente ha espresso un bel gioco, ha dimostrato di avere una squadra completa in tutti i ruoli ma a causa di alcuni infortuni, non è riuscita a giocare sempre al 100%. E’ stato un peccato perchè nelle due partite contro le cremonesi aveva giocato alla pari, dimostrando grande solidità e il risultato finale era tutt’altro che scontato. Ferrara invece aveva lo spirito dello studente: confrontarsi con gli altri per poter crescere e imparare da grandi squadre in modo da tornare a casa con nuove indicazioni sul quale poter lavorare. Bisogna dare loro il merito di aver dato il massimo, di aver coinvolto tutti e di esultare ad ogni traguardo raggiunto, per esempio la soglia dei 40 punti segnati in una partita. Per loro non contava il risultato sul campo, quanto la voglia e il desiderio di continuare a migliorare. La partita tra San Michele e Sant’ Ilario si è svolta tra fuoco e fiamme. Punteggio alla pari fino alla fine, grandi giocate da parti tutti, un tifo incredibile da parte di un pubblico sempre caldo e la voglia di vincere per giocarsi il campionato nazionale. Alla fine l’ha spuntata di un nulla San Michele ma Sant’Ilario è tornata a casa sicura di avere giocato un gran match. La partita tra Noto e Ferrara è stata giudicata da molti addetti ai lavori la sfida più bella non per il gioco espresso, non per il punteggio ma senza dubbio per lo spirito nella quale si è giocata. Due squadre in difficoltà per diversi motivi (infortuni ed inesperienza) che hanno lottato fino alla fine nel rispetto, nel fair play e sempre tra mille sorrisi. Uno spot bellissimo per questo grande sport. A fine giornata tutti a casa a fare una doccia per essere pronti per la cena al Palace Hotel, occasione per stare nuovamente in compagnia, anche con le altre squadre che, contemporaneamente, avevano giocato alla Baldesio. Serata tranquilla scivolata via tra scherzi, risate e anche qualche cantata. Domenica mattina è tempo di finals; prima la finale terzo quarto posto tra Sant’Ilario e Urbania Pesaro e successivamente la partita decisiva tra San Michele e Monte Emilius Aosta. Nella prima partita le due squadre hanno dato prova di un buon gioco e Urbania è scappata solo nel finale concretizzando un vantaggio di 12 punti. Nonostante la sconfitta, Sant’Ilario esce tra gioia e sorrisi, fiera dell’impresa di aver centrato il quarto posto al debutto assoluto nel Baskin. Coach Maggio può essere orgoglioso dei suoi ragazzi che lo hanno portato a vincere il campionato di Cremona e nelle prime quattro d’Italia. Nella grande finale Aosta batte San Michele con un buon vantaggio frutto del decisivo allungo finale. Vittoria meritata per una squadra che ha sorpreso tutti per fluidità di gioco e per ottimi giocatori in tutti i ruoli. Emerge come il Baskin sia stato esportato in modo eccezionale, tanto è vero che molte squadre hanno giocato veramente bene. Inoltre è positivo vedere l’entusiasmo, il tifo e l’attenzione che viene data a questo sport, indice che la strada intrapresa è quella giusta e che, continuando a percorrerla, ci si possa dirigere verso un futuro luminoso. Ottima l’organizzazione (non solo perchè c’ero anch’io) che ha coperto in maniera perfetta tutto lo svolgersi delle gare. Il campionato è terminato e il bilancio è più che positivo e non ci resta che aspettare l’anno prossimo per tornare a vivere le emozioni provate in questo caldo weekend di giugno.

di Riccardo Vecchia

riccardo

0

Un po’ di foto

Sul sito Cremona Città Europea dello Sport potete trovare delle foto del campionato al link

http://www.cremonasport2013.it/

Altre bellissime foto (grazie a Giorgio) dall’inaugurazione del 7 giugno alla finale del 9 giugno sul sito https://www.dropbox.com/sh/xsn0il0y5gn3s7x/kMkEvpDXWF

Ogni momento è stato poi ripreso (grazie a Claudio e Carmen) sulla pagina facebook del baskin all’indirizzo

https://www.facebook.com/baskin.cremona

Ne riportiamo alcune:

atleti

Gli atleti presenti

mondoni

Maurizio Mondoni e la squadra di Noto

11

La squadra di Aosta vincitrice del titolo nazionale

10

I volontari dell’Associazione Baskin

4

La premiazione all’Associazione Baskin del Panathlon e dell’ANMIC

999899_10151485872362582_920656728_n

L’arbitro che consola un atleta

fnUT9RlcxS00IMRZwDoaFzXINp5VDee0xGacwtjTkRs 0qHdO7VWsbAeaKkrNcOuXx1RpsEkts2AmOxjLdxApaA tavolo

Cronometristi e refertisti al lavoro!

arbitri

La terna che ha arbitrato la finale

vTgd_q31G2Dq4uGg4ixBKYRRhvIIftSeg3g5aqwnOLM

Il Sindaco del Comune di Cremona Oreste Perri e l’Assessore allo Sport Marcello Ventura alla cerimonia d’apertura

fnUT9RlcxS00IMRZwDoaFzXINp5VDee0xGacwtjTkRs

Le squadre finaliste durante il minuto di silenzio per la morte del Bersagliere

0qHdO7VWsbAeaKkrNcOuXx1RpsEkts2AmOxjLdxApaA

Il tavolo delle premiazioni

sanilario-urbania-carmen4

Momenti di gioco

baskin-7giu-adafa-bruschi02

KAfUGY29jknvGI6G6GWNc7F0XjstRMuD8q1zH-MFlH0 kZ0MarszEYYwvI0267CMpWHLv_aqwVMTnkRVIXNgcL0

A-XorUWU7yNbrZxy9eCd-XfcXjHRiWz8Mg92dDD1MhcCQs0203zKqyouJQ7_bGqqvJmWAljnU8L37wZY42htmk

0

Parlano della finale di baskin …

Un po’ di Rassegna Stampa:

La Provincia di Cremona – http://www.laprovinciacr.it/news/altri-sport/38173/Baskin–scudetto-ad-Aosta.html

Mondo Padano – http://www.mondopadano.it/stories/altri_sport/2033_a_aosta_il_tricolore_di_baskin_ma_la_vittoria__di_tutti/#.UbX3NvhH7mI

Cremonaoggi – http://www.cremonaoggi.it/2013/06/09/baskin-aosta-primo-campione-nazionale-bodini-un-evento-bello-da-replicare/#more

Dailybasket – http://www.dailybasket.it/basket-per-tutti/monte-emilus-aosta-campione-nazionale-di-baskin/

Cremona Città Europea dello Sport – http://www.cremonasport2013.it/

www.facebook.comhttps://www.facebook.com/baskin.cremona

https://www.dropbox.com/sh/xsn0il0y5gn3s7x/kMkEvpDXWF

http://www.inviatoquotidiano.it/fatti/baskin-aosta-conquista-il-primo-tricolore-due-squadre-cremonesi-al-secondo-e-quarto-posto

http://milombardia.gazzetta.it/milano/2013-06-07/baskin-il-sipario-weekend-si-assegna-cremona-primo-scudetto-20532744006.shtml

http://archiviostorico.gazzetta.it/2013/giugno/09/CONCLUDE_CAMPIONATO_ITALIANO_TRA_GLI_ga_0_20130609_7405705c-d0c8-11e2-b2e9-abea67448d1a.shtml